Il rifugio dei ciclisti

 

Le provinciali rappresentano da sempre ghiotte occasioni per un esploratore incallito. Non sai mai cosa ti riserverà la strada ma, in un modo o nell’altro, riesce sempre a sorprenderti. E così è accaduto anche lungo la SP3, nel tratto che collega Montecatini a Chiusdino, nell’Alta Valdera. Una strada percorsa tutti i giorni da automobilisti, camionisti e tantissimi ciclisti ed estremamente strategica per l’apertura di un’attività. E’ quello che devono aver pensato i fratelli Vettori, aprendo un grande ristorante-pizzeria all’altezza di Bientina.

La struttura è tutta dedicata alla grande passione di uno dei proprietari: il ciclismo. Remo Vettori, infatti, aveva seguito anche l’ascesa nel mondo del ciclismo professionistico della butese Fabiana Luperini. Aveva fondato il gruppo sportivo Fratelli Vettori per ciclisti amatori, di cui non resta che una foto al piano superiore.

Dopo la morte dell’oste, l’attività è proseguita per altri due anni, prima della crisi irreversibile che l’ha condotta alla chiusura. Da lì è stato un susseguirsi di furti e vandalismo (e anche qualche bivacco), che hanno ridotto il ristorante ad un cumulo di immondizia e macerie. Tra le scartoffie gettate alla rinfusa ed i vetri in frantumi, si riescono a scorgere i vecchi menù e la carta dei vini, molti dei quali sono ancora in bella mostra sugli scaffali del bar. Delle cucine, trafugate da tempo, non resta più nulla. Un bancone, qualche tavolo e un forno a legna possono ricordare vagamente un ristorante.

 

 

The following two tabs change content below.
Fotografa professionista, esploratrice incallita e amante della storia e delle storie che anche il rudere più anonimo può raccontare. Profilo Facebook : LINK