Un sipario chiuso per sempre

 

Teatro con galleria, cinema e sala da ballo. La lunga storia dell’ex Enal, di questo paesino sperduto sulle colline piemontesi, ha inizio nel secolo scorso.

I fasci littori sulle schede degli incassi giornalieri ci riportano indietro al 1938, quando questa struttura nacque come Opera Nazionale Dopolavoro, poi divenuta Ente Nazionale Assistenza Lavoratori nel 1945. Qui il partito al potere organizzava mense, spacci di generi alimentari, forniva facilitazioni commerciali, sanitarie, termali, assicurazioni extra lavoro e buoni acquisto. Tra i tanti intrattenimenti, i tesserati del partito fascista potevano usufruire del teatro, del cinema, partecipare alle feste folkloristiche, ai campionati sportivi e ai concorsi canori e musicali.

A questo periodo risalgono le locandine di Via col Vento, Ritorno all’alba e di altri film anni ’30, accatastate insieme alle tante pellicole del cinema hollywoodiano in bianco e nero: come non riconoscere Clark Gable tra i tanti fotogrammi della pellicola Command Decision del 1948. E nel sottotetto, all’epoca probabilmente adibito ad archivio ed ora ridotto a mucchi di scartoffie fradice, saltano fuori i registri degli incassi della Casa Littoria, organizzati per film e giorno, in cui si appuntavano entrate ed uscite.

Ai piani inferiori, il bar, la zona con televisore e biliardo e la sala adibita per i pranzi e le colazioni, ora animata soltanto dalla carcassa di un gatto mummificato. A conservare tutto il suo fascino decadente, è però la stanza con il pianoforte: i tasti ricoperti dalle ragnatele, l’edera che inizia a ricoprire i posti numerati e i due ritratti femminili fermi agli anni ’40, sarebbero perfetti per il set di un film noir.

Stando alle poche notizie a disposizione, che ci riportano la soppressione dell’Enal al 1978, questo posto non sembra essere andato oltre quella data.

 

 

 

Commenti
The following two tabs change content below.
Fotografa professionista, esploratrice incallita e amante della storia e delle storie che anche il rudere più anonimo può raccontare. Profilo Facebook : LINK

Ultimi post di Alessia (vedi tutti)